Che cos’è l’e-commerce?

0
449
e-commerce

L’ e-commerce è una sistema di vendita di beni e servizi, di norma, ma non sempre, messo in atto da un imprenditore, all’interno di internet.

Il commercio online, nella maggior parte dei casi, risulta essere organizzato attraverso una struttura che ricalca, anche se in modo virtuale, l’organizzazione di un’attività reale; molto spesso il commercio elettronico parte da una struttura basilare, quale la disponibilità di eccedenze derivanti dalla vendita classica, per poi svilupparsi in vere e proprie vetrine online. Il commercio elettronico viene posto in essere attraverso la predisposizione di siti internet capaci di gestire tutte le fasi della trattativa commerciale, dall’offerta al back office, passando per la vendita.

Oggi commercio online vuol dire lotta serrata a colpi di marketing e posizionamenti all’interno dei motori di ricerca, con giganti multinazionali insidiati da cyber imprenditori che senza disporre di grossi capitali e con una organizzazione minima, forniscono servizi e beni a condizioni competitive. Il commercio elettronico consente, a chiunque, di mettersi in gioco, senza che sia necessaria la produzione diretta di alcun bene o servizio.

La crescita vertiginosa: un mercato che non conosce crisi.

Potete immaginarla come una gigantesca metropoli dell’acquisto, dove grandi magazzini, botteghe, agenzie viaggi convivono fianco a fianco; è la metropoli dell’e-commerce, che solo qualche anno fa era un paesino di provincia e oggi non smette di espandersi.

Il digitale è diventato una componente fondamentale delle nostre attività, e ormai un acquisto “reale” su dieci è deciso informandosi sul Web.

smart_phoneIl mobile è il fattore chiave nella crescita dell’e-commerce. La diffusione di smartphone e tablet ha esteso di molto l’accesso al mercato on line. L’e-commerce in Europa ha continuato a crescere anche se con ritmi e modalità differenti nei diversi paesi.
Lo shopping on line è un’abitudine ben consolidata in Gran Bretagna, Germania e Francia, mercati che rappresentano complessivamente il 70-80% dell’e-commerce europeo, mentre è appena agli inizi o sta crescendo nel resto d’Europa, inclusi Paesi come Italia e Spagna.
La crescita più rapida riguarda tuttavia le economie emergenti dell’Europa orientale, guidate dalla Russia, mercato per cui si prevede una crescita fino al 200% nei prossimi tre anni.

Nei mercati maturi, la crescita è guidata principalmente da un aumento della frequenza di acquisto da parte dei consumatori e dalla tendenza a spendere di più attraverso i canali on-line, mentre nei Paesi in cui l’e-commerce si sta sviluppando la crescita deriva soprattutto dall’aumento degli acquirenti on line.

La Cina è diventata nel 2013 il secondo mercato nazionale in termini di fatturato dopo gli Stati Uniti. Le previsioni indicano una progressiva riduzione del gap tra i due Paesi, fino a un probabile sorpasso del primo sul secondo tra il 2016 e il 2017.

I due colossi dell’e-commerce: Alibaba vs Amazon – Chi vincerà la guerra mondiale?

C’è un nuovo leader dell’e-commerce nel web. Con i suoi trionfali 21,8 miliardi di dollari di offerta pubblica iniziale, Alibaba ha eclissato Amazon, essendo ad oggi la più grande e preziosa società di e-commerce al mondo.

3047433-poster-p-1-alibaba-to-build-netflix-of-china

Parliamo di un grande impero di Alibaba che comprende il commercio all’ingrosso, al dettaglio, l’acquisto di gruppo, e pagamenti.
Nel frattempo, Amazon sta compiendo sforzi per ampliare la sua piccola presenza nel lucrativo mercato cinese di e-commerce.

Sarà dunque Alibaba un valido concorrente per Amazon in Occidente? E sarà Amazon in grado di competere in casa di Alibaba?
La battaglia è solo all’inizio, ma possiamo fare alcune previsioni guardando le somiglianze e le differenze tra Amazon e Alibaba. A prima vista, le aziende sembrano avere molto in comune. Entrambe si concentrano su come aiutare le persone a comprare una vasta gamma di prodotti a prezzi bassi, senza entrare in un negozio.

Come Amazon, Alibaba ha costruito un’ infrastruttura massiccia basata su clienti e dati, ed è emerso come il giocatore dominante nel proprio mercato nazionale.
Ma Alibaba non è una società tradizionale dell’e-commerce. Opera in un “mercato aperto”, che collega gli acquirenti con i venditori. Non vende nulla direttamente e non possiede magazzini. Come risultato, Alibaba è di gran lunga più redditizio di Amazon, con margini di quasi il 40% e gli utili di circa 2 miliardi di dollari nel trimestre più recente, secondo i suoi documenti di archiviazione IPO.

amazon-1-0-8305a292a7eb85c894c129aee477dc1a1Al contrario, Amazon si trova in un “mercato gestito”, che è più vicino alla vendita al dettaglio tradizionale. Possiede centri di distribuzione di massa, vende la maggior parte dei suoi prodotti direttamente.

Il modello di Amazon dà all’azienda di gran lunga maggiore controllo sulla esperienza del cliente.
Sia Amazon che Alibaba sono dotati di piattaforme di e-commerce adatte ai loro mercati interni.

Alibaba ha una profonda comprensione dei consumatori cinesi e di sfumature in termini di approccio e varietà dei prodotti. L’azienda ha imparato la complessità dei regolamenti cinesi e come lavorare con i governi nazionali. Al contrario, Amazon è un maestro di logistica e della supply chain, ed è il leader mondiale nei servizi di infrastruttura cloud. Per vincere Alibaba, dovrebbe tenere a freno la sua serie confusa di acquisizioni e investimenti e concentrarsi sull’ e-commerce, il cloud computing, i contenuti digitali e la logistica.
La strategia per Amazon in Cina e India dovrà invece concentrarsi sulla comprensione del mercato locale e le capacità dello stesso. Ciò richiederà acquisizioni intelligenti di società di e-commerce locali e una proposta di valore differenziato.

Dunque, che vinca il migliore!

E tu? Cosa aspetti a creare il tuo spazio web e buttarti nell’e-commerce! Acquistalo da noi! https://www.7host.com/hosting.html