PLESK O cPANEL? QUAL E’ IL PANNELLO DI CONTROLLO MIGLIORE?

0
757
miglior pannello di controllo

Davanti alla scelta del piano Hosting, ti è mai capitato di chiederti quale sia il pannello di controllo migliore tra quelli forniti dal provider da cui stai acquistando?

Spesso infatti quando si valutano le proposte di servizi hosting, puoi notare quasi sempre una dicitura specifica e relativa al pannello di controllo.
Di seguito alle parole “pannello di controllo” vengono poi indicati alcuni nomi commerciali di pannelli pensati per gestire le caratteristiche e le funzionalità del servizio hosting offerto.

I due pannelli di controllo più diffusi sono Plesk e cPanel, e sicuramente ti sarai ritrovato a dover capire quale dei due sia più soddisfacente per le tue esigenze!
pannello di controllo miglioreSpesso definire quale scelta sia migliore tra i due dipende grossomodo dalle nostre abitudini, dal nostro approccio alle funzionalità hosting e dalle nostre necessità operative…insomma nulla di più personale!

Dopo aver specificato che cos’è un pannello di controllo e aver descritto le caratteristiche di Plesk e cPanel, analizziamo i pro e i contro per farti arrivare alla scelta migliore.

CHE COS’E’ UN PANNELLO DI CONTROLLO?

Il Pannello di controllo è uno strumento di amministrazione di webserver, siti web, servizi web, blog ed altro. Permette di gestire le principali funzioni di amministrazione del servizio di hosting.
Rende quindi molto più semplice ogni modifica e/o configurazione specifica che sia necessario effettuare, sia per siti singoli che per multisiti e servizi web.

Dunque con un pannello di controllo è possibile amministrare i servizi Web in assoluta tranquillità, in completa semplicità e senza dover ricorrere alla programmazione o alla digitazione di script difficili.
Con pochi clic, anche se non hai la piena conoscenza delle funzioni, riesci a svolgere tutte le operazioni basilari!

Diamo un’occhiata ai due pannelli di cui parlavamo all’inizio.

PLESK

Parallels Plesk è una sorta di pacchetto software che mette a disposizione un pannello di controllo completo per l’automazione e l’amministrazione di un server o di un servizio di hosting.

pannello di controllo miglioreUna volta installato, Plesk permette con accesso tramite browser di configurare domini Internet, account email, spazio disco, nuovi utenti con incredibile facilità, senza dover impazzire con codici e script!

Inoltre ti permette di scegliere il tipo di interfaccia: le più comuni sono Power User e Service Provider.
Power User ti permette di gestire da un unico account tutti i siti presenti sul server, come farebbe ad esempio una web agency.
Invece l’interfaccia Service Provider prevede la gestione di più utenti, abbonamenti, piani hosting ecc, configurazione ideale per chi vuole rivendere servizi di hosting.


Plesk si identifica per la sua semplicità: questa caratteristica, unita all’affidabilità e alla sicurezza, permette di trovare già una svolta cruciale a questo dilemma!

Plesk è sicuramente la scelta più adatta per tutti coloro che si avvicinano al mondo hosting digiuni di conoscenze IT specifiche o che comunque vogliono poter gestire i propri servizi con la tipica semplicità del punta&clicca a cui sistemi operativi come Windows ci hanno abituati.

E non dimentichiamo che Plesk può funzionare sia sui sistemi Windows che Linux! Trattandosi di un software che permette la gestione dei piani hosting a più livelli, Plesk si classifica, infatti, come il miglior pannello in assoluto, capace di facilitare il lavoro di ogni tipologia di user cui è rivolto.

Ecco alcune delle operazioni principali che è possibile compiere in Plesk:

  • Non appena effettuato il login al pannello di controllo, verrà visualizzata la pagina di Home, ossia una pagina riepilogativa che pone in evidenza i link alle principali funzionalità del software.
  • Dalle tabs in alto, che fanno seguito alla voce Home, è possibile accedere alle schede di tutte le altre funzionalità. Ad esempio cliccando su Siti Web & Domini si avrà accesso alla scheda di gestione di tutte le impostazioni che riguardano l’hosting.

pannello di controllo migliore

  • La funzione Accesso FTP è molto importante, in quanto, consente di gestire gli account FTP che avranno accesso al proprio spazio online, dando la possibilità di selezionare esclusivamente le cartelle di interesse per ogni tipologia di account.
  • Infine la funzione Database, consente di aggiungere o rimuovere in un solo clic un database da associare al proprio sito Web.

Dunque a quanto pare la gestione di Plesk sembra davvero un gioco da ragazzi!

… cPanel invece?

CPANEL

cPanel è uno dei pannelli di controllo più utilizzati dagli hosting professionali, che ti consente di avere accesso al server che ospita il tuo sito web, così da poter gestire tutti gli aspetti relativi al traffico del portale, alle e-mail, al database del sito e alla gestione dei DNS.

pannello di controllo miglioreIn altre parole, cPanel è una sorta di “interprete” che ti permette di gestire in totale autonomia il tuo account su un hosting, senza per questo avere conoscenze da sistemista!
Il principale vantaggio di questo strumento, dunque, è l’opportunità di diventare il padrone del tuo spazio web, senza per questo dover studiare o confrontarti con qualcosa di astruso e incomprensibile.

Al contrario di Plesk, cPanel funziona solo su sistema operativo Linux.

Vediamo nello specifico quali sono le principali operazioni che è possibile compiere con cPanel.

  • Nella Home di cPanel per prima cosa, hai una panoramica su alcune statistiche relative al tuo account, come: utilizzo della memoria, numero di account email creati, numero di account FTP, numero di database, eccetera.
    La parte centrale è invece quella che userai più spesso. Infatti, qui trovi tutte le applicazioni utili per la configurazione e la gestione del tuo sito, dei domini, degli account email, eccetera.
  • Abbiamo poi ad esempio la sezione Domini. Quando sottoscrivi uno spazio hosting, per default questo viene associato ad un dominio (spesso la registrazione del dominio e dello spazio hosting avviene allo stesso momento).
    Se però hai registrato più domini e vuoi aggiungere uno di questi al tuo spazio hosting, dovrai usare questa funzionalità.
    Semplicemente, nel campo “nome nuovo dominio” digita il dominio che vuoi aggiungere ed assegna ad esso una sotto-directory (nel campo “radice documento”).

pannello di controllo migliore

  • Ancora, la sezione Account dove puoi creare e gestire gli account di posta. Nella schermata che si apre, ti basta digitare utente, selezionare il dominio, impostare la password e il gioco è fatto!
  • Infine tra le varie cose l’ App Installer di cPanel per l’installazione guidata di CMS come WordPress, ma anche Drupal, Joomla, eccetera. Cliccando su uno dei software disponibili, potrai effettuarne l’installazione in modo guidato su uno dei domini che hai aggiunto al tuo cPanel.

Ma allora? Come si fa a decidere se è meglio Plesk o cPanel?

I 6 PUNTI CHE TI AIUTANO A FARE LA SCELTA GIUSTA

  1. Interfaccia utente e navigazione

A differenza di quanto si pensi, non è cPanel il pannello con la migliore interfaccia utente pur essendo user-friendly; infatti la navigazione fra le funzionalità sembra essere più agevole in Parallels Plesk.

Il menu orizzontale in Plesk permette un veloce accesso a tutte le funzionalità del pannello da qualsiasi finestra ci si trovi, anche se la forma gerarchica del menu superiore obbliga comunque a scegliere la sezione appropriata per raggiungere la funzionalità o la sottosezione di interesse.

In cPanel, la home può essere configurata secondo le proprie esigenze, spostando in alto, tramite drag&drop, i pannelli con le funzionalità più accedute, ma al di là di questa opportunità, per muoversi fra le differenti sezioni, bisogna sempre cliccare sulle etichette presenti solo nella pagina iniziale del pannello.

D’altra parte, cPanel recupera terreno sui ritardi di apertura delle singole pagine, che risultano più reattive ai clic degli utenti, contro quelle di Plesk, che impiegano invece qualche secondo per caricarsi.

  1. Configurazione dei domini e dei sottodomini

In tutti entrambi i pannelli c’è l’opportunità di aggiungere facilmente, configurare e cancellare i domini e i sottodomini e i record DNS in modo dettagliato.
cPanel ha un’icona in home dedicata alla configurazione dei DNS, per cui questo pannello risulta più comodo per operare frequenti variazioni ai record DNS. Non è da meno Plesk che a fronte di ogni dominio riportato nella lista ha una serie di icone a etichetta che graficamente agevolano il raggiungimento delle funzionalità di controllo del dominio stesso e dal punto di vista della gestione DNS presenta un accesso più completo alle varie funzionalità.

  1. Gestione email

Dal punto di vista delle gestione delle caselle di posta elettronica sul proprio dominio con cPanel non c’è storia!
In una sola sezione sono racchiuse tutte le funzionalità necessarie ad amministrare al meglio il servizio email, con possibilità di gestire gli account, l’accesso Webmail, eventuali filtri spam come SpamAssassin, gli autorisponditori, le regole di forwarding della posta, gli indirizzi di default, eventuale mailing list e tanto altro ancora. L’accesso alla Webmail è semplice e veloce e l’interfaccia offre anche l’opportunità di scaricare degli script di autoconfigurazione per i quattro client di posta elettronica più diffusi.

In Plesk, alcune di queste funzioni ci sono, ma non sono così facilmente raggiungibili e, nel contempo, si potrebbe dire che la chiarezza delle istruzioni associate alle varie funzionalità e la comodità di configurazione di un account email sono maggiori del numero di funzionalità stesse.

  1. Backup e copia file

Nella categoria funzioni di backup vince Plesk, in quanto questo pannello ha implementato tutte le funzionalità avanzate di backup prima dei concorrenti. Così, è più semplice definire un backup automatico in Plesk e non nel cPanel, dove la funzionalità dedicata deve comunque essere abilitata dall’amministratore del server che ospita l’hosting e, quindi, in parole povere dal provider stesso.

  1. Amministrazione MySQL

Le funzionalità principali di creazione e cancellazione database, aggiunta o eliminazione degli utenti, regolazione dei grant, controllo remoto dei DB e accesso phpMyAdmin sono quasi tutte garantite da entrambi i pannelli, anche se cPanel risulta più curato, con quattro icone distinte associate a specifiche funzioni di gestione dei database MySQL e un wizard che aiuta anche gli utenti alle prime armi a configurare facilmente un database e gli utenti autorizzati all’accesso.

  1. Configurazione degli accessi FTP

Per quanto riguarda la gestione degli accessi FTP e degli utenti autorizzati, il migliore fra Plesk e cPanel risulta essere quest’ultimo, per completezza delle funzionalità.
Tutti e due i pannelli offrono la possibilità di creare o eliminare le utenze FTP, di specificare un percorso specifico da associare a ogni utenza, configurare eventuali restrizioni di accesso al disco, modificare le password, monitorare le sessioni correnti e organizzare l’accesso anonimo su protocollo. A tutto questo, però, cPanel unisce la chiarezza delle istruzioni e la possibilità di scaricare degli script di configurazione automatica per tre fra i client FTP più diffusi.

Lo sappiamo, neanche dopo aver letto i 6 punti hai ben chiara quale sia la scelta migliore da fare!
Beh, è proprio per il motivo che ti abbiamo detto all’inizio: la scelta dipende da te e dai tuoi gusti!

7Host ti offre entrambe le possibilità! Clicca sul link per dare un’occhiata alle offerte di hosting di 7Host!

E se ti è piaciuto l’articolo lasciaci un commento qui sotto o condividilo sui social, e continua a seguirci sul nostro Blog o iscriviti alla nostra Newsletter!

LASCIA UN COMMENTO